"GIA' E NON ANCORA" di Giuseppe Bozano

E-mail Stampa PDF

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Autore Giuseppe Bozzano  
Titolo  Già e non ancora
Formato 12 x 19
ISBN  88-7563-178-6
Pagine  120
Prezzo  € 8,00

ACQUISTA QUESTO TITOLO ADESSO CON SCONTO -15% + 1 LIBRO OMAGGIO CLICCA SU: GIA' E NON ANCORA

Il libro: Nel panorama indistinto della nuova drammaturgia italiana Già e non ancóra dovrebbe essere apprezzata con speciale partecipazione – sia egli lettore, spettatore, attore, regista o autore – da chi pensa e sostiene, con il George Bernard Shaw critico drammatico, che “è il Dramma che fa il Teatro e non il Teatro che fa il Dramma” ché Bozzano ha certamente voluto creare e presentare un “dramma” nel mettere in scena sulle sue pagine la rappresentazione dei molteplici conflitti a cui assistiamo. “Commedia ridicola”, pregna di tecnica teatrale, contiene, nel suo vasto grembo narrativo, una fantasiosa e perfida storia – con radi ma significativi inserti metateatrali – che potrebbe essere successa ieri o materializzarsi domani; opera, quindi, anche “del possibile” e, in ciò, anche postmoderna (con un ben diffuso e prepotente suo effetto comico) la quale, dall’intreccio – riuscito alla perfezione – tra parlato quotidiano e parlato colto e dall’uso, appunto, di tecniche tanto “antiche” quanto particolari (visive, gestuali, sonore), rispetto al teatro contemporaneo più frequentato, ricava un suo personalissimo percorso. Questo cammino è scandito da un ordine cronologico: cinque giorni in compagnia di un potentissimo imprenditore del settore dei mezzi di comunicazione di massa, della sua singolare corte e della cerchia di coloro che abbagliati dal suo denaro, dal suo lusso o dalla sua fama sono attratti in modo irresistibile da lui. Tutto in meno di una settimana, fra personaggi fatti agire talora vorticosamente; marionette – alcuni – scatenate a cercare la Felicità e che, per soltanto avvicinarla, non esiterebbero a divorarsi a vicenda, in un “mondo d’oggi” dove la Trasgressione è titanica, l’Essere Sessuale quasi si esibisce, la Festa è cerimonia dionisiaca e predicatoria insieme, il Nichilismo è davvero con la “n” maiuscola, il Guadagno è l’unico dio, il Caso riunisce ed elimina vite, Dio – ovviamente – non c’è e, se ci fosse, il rumorio della sua presenza sarebbe sommerso delle battute al vetriolo degli altri comprimari e dal fragore della Parola del “Presidente”: Mister No.