"IL CAVALIERE A DUE PUNTE" di Rudi Ghedini

E-mail Stampa PDF

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Autore Rudi Ghedini

Titolo  Il Cavaliere a due punte
Formato 12 x 19
ISBN  88-7563-038-0
Pagine  96
Prezzo  € 6,50

ACQUISTA QUESTO TITOLO ADESSO CON SCONTO -15% + 1 LIBRO OMAGGIO CLICCA SU: IL CAVALIERE A DUE PUNTE

Il libro. Berlusconi ha una precisa idea del calcio, come l’ha avuta dell’edilizia, delle assicurazioni, delle televisioni e di tutto ciò che fa business, e non gli manca la faccia tosta per esprimerla, anzi rivendicarla, e rinfacciarla a chiunque non la pensi come lui. Berlusconi è l’uomo più potente d’Italia, e quando l’uomo più potente d’Italia apre bocca, qualunque opinione esprima, diventa un fatto politico, un’entrata a piedi uniti, un tackle scivolato che irrompe nella gerarchia delle notizie. La più imperdonabile colpa di Berlusconi è avere accelerato una tendenza in atto: la riduzione dei cittadini a tifosi. Ciò comporta una serie di conseguenze negative, il precipitare della razionalità a vantaggio dell’istinto di appartenenza, l’obbligo a schierarsi all’interno di una logica Amico-Nemico, che il Cavaliere sollecita continuamente. Rimproverarlo di aver politicizzato il calcio, è assurdo: ci avevano già pensato Andreotti (candidando il presidente della Roma, Viola) e Craxi (candidando il presidente del Torino, Borsano), e persino il centro-sinistra (imponendo Cecchi Gori a tanti fiorentini perplessi). La vera novità, il senso della rivoluzione berlusconiana consiste nell’aver calcistizzato la politica. Per lui, il calcio è molto più di una metafora, è una forma mentale, una concezione del mondo.

In queste pagine, perciò, si gioca spudoratamente “alla Berlusconi”, approfittando di ogni minimo pretesto per “buttarla in politica”.

Non sarà un atteggiamento corretto, ma è lui che ogni giorno ci porta (avrebbe detto De André) sulla cattiva strada.