GIUSEPPE ALTAMORE " QUALCUNO VUOL DARCELA DA BERE "

E-mail Stampa PDF

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Autore Giuseppe Altamore

Titolo  Qualcuno vuol darcela a bere
Acqua minerale, uno scandalo sommerso
Formato 12 x 19
ISBN  88-7563-079-8
Pagine  216
Prezzo  € 9,50

ACQUISTA QUESTO TITOLO ADESSO CON SCONTO -15% + 1 LIBRO OMAGGIO CLICCA SU: QUALCUNO VUOL DARCELA A BERE


La prima edizione del libro è stata da noi pubblicata nel giugno 2003. Il libro ha subito acceso un forte dibattito e, suscitando grande curiosità e interesse dei lettori, è arrivato alla V ristampa. Oggi riproponiamo, in una nuova veste tascabile, l’inchiesta che racconta come una potentissima lobby abbia potuto condizionare le scelte politiche di vari governi e sia riuscita a ottenere una legislazione ad hoc, attenta alle esigenze commerciali dei produttori di acque minerali e poco rispettosa della salute dei consumatori. Spulciando la legge si scopre, infatti, che l’acqua di rubinetto può essere più sicura della minerale.

Il libro: Qualcuno vuol darcela a bere spiega quali interessi hanno spinto l’industria dell’acqua minerale a usare ogni mezzo per condizionare le scelte del Parlamento, fino a bloccare due tentativi di riforma della normativa che regola il settore. Si racconta come un perito chimico italiano sia riuscito a far avviare una procedura d’infrazione dell’Unione europea nei confronti dell’Italia per il mancato rispetto delle direttive europee in materia di tutela della salute dei consumatori e come ancora una volta l’abbiano spuntata le multinazionali dell’acqua, che sono riuscite ad aggirare le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità e perfino le severe norme del Codex alimentarius che regolano il commercio internazionale. Ma che cosa avevano da nascondere i produttori di acqua minerale? Che cosa hanno rischiato i consumatori che tuttora non possono sapere che cosa si nasconde nella bottiglia? Ben due procure della Repubblica (Torino e Bari) hanno indagato sull’affaire della minerale. Ci sono già stati dei sequestri e il ministero della Salute ha sospeso 126 autorizzazioni perché non in regola con l'ultima direttiva europea, secondo la quale l'acqua minerale e l'acqua del rubinetto finalmente devono rispettare simili parametri di sicurezza.