Benvenuto in Frilli Editori

"IL GIALLO DI VIA TADINO. Milano, 1950" di Dario Crapanzano

E-mail Stampa PDF

pagg. 168 coll. I Tascabili Noir

ACQUISTA QUESTO TITOLO ADESSO CON SCONTO -15% + 1 LIBRO OMAGGIO

CLICCA SU: IL GIALLO DI VIA TADINO. MILANO, 1950

 

Milano, 1950. È sera, una fredda e buia serata invernale, piove a dirotto. In una vecchia casa di ringhiera, a Porta Venezia, il
corpo di una bella donna sulla quarantina, sposata e madre di due figlie, si sfracella sui ciottoli del cortile, precipitando dal
quarto piano. L’inchiesta tocca a Mario Arrigoni, commissario capo del Porta Venezia. Tutto farebbe pensare a un suicidio, ma qualcosanella dinamica dei fatti non convince Arrigoni. Comincia così un’indagine che si svolge in una Milano grigia e fredda, da poco uscita da una guerra le cui macerie sono ancora visibili nelle strade. Mentre intorno sopravvivono usi e costumi destinati presto a sparire. Il piccolo mondo dei coinquilini della presunta suicida sfila davanti ad Arrigoni, rivelando diversi personaggi curiosi, una portinaia molto perspicace, nonché miserie, ambizioni frustrate osbagliate, velleità… Al termine degli interrogatori, il collaudato metodo investigativo e una felice intuizione portano il commissario Arrigoni alla soluzione del caso, una soluzione del tutto imprevedibile quanto amara.

"TOCCALOSSI E IL BOSS CARDELLINO" di Roberto Centazzo (prefazione di Bruno Morchio)

E-mail Stampa PDF

 

 

pagg. 288 coll. I Tascabili Noir € 4,90

Isbn 9788875636968

ACQUISTA QUESTO TITOLO ADESSO CON SCONTO -15% + 1 LIBRO OMAGGIO

CLICCA SU: TOCCALOSSI E IL BOSS CARDELLINO


Ferragosto: quale giorno migliore per iniziare a stilare una complessa requisitoria su un traffico di immigrati cinesi clandestini? L'ennesimo espediente di Toccalossi per procrastinare ulteriormente la partenza delle tanto detestate vacanze. Il maresciallo Centofanti, suo aiutante, non si tira indietro e resta a fargli compagnia, fotocopiando migliaia di fogli. Ma, a sera, la carta per le fotocopie è esaurita. Centofanti inizia a rovistare ovunque per trovarne un po'. In un cassetto rinviene per caso una foto che ritrae Toccalossi giovane: una foto del 1977, a cui è pinzata una lettera, una missiva che inequivocabilmente sancisce la fine di una storia d'amore. Centofanti, incuriosito, cerca di saperne di più. Toccalossi lo accontenta raccontando con nostalgia la storia di quello scatto: all'epoca, appena ventiquattrenne, era giudice istruttore a Genova. Nella sua prima indagine si occupò di dare la caccia al boss Vito Cardella, in arte Cardellino, uno spaccone di periferia ambizioso e spregiudicato desideroso di unirsi al clan dei marsigliesi per importare in Italia la droga. Un agosto insolito, passato in ufficio, tra i ricordi e il lavoro, con la meticolosità di chi sa, per esperienza, che l'errore giudiziario è sempre dietro l'angolo, e deve impegnarsi al massimo per evitarlo.

"L'ISOLA DELLE CHIATTE" di D. Grillo - V. Valentini

E-mail Stampa PDF

pagg. 192 coll. I Tascabili Noir € 10,90

Isbn 9788875636869

ACQUISTA QUESTO TITOLO ADESSO CON SCONTO -15% + 1 LIBRO OMAGGIO

CLICCA SU: L'ISOLA DELLE CHIATTE

 

Anna Rouvery ha poco più di trent’anni, e la sua vita è tutta un tango. Un contratto all’Accademia e una scuola di ballo tutta sua, una mansarda sui tetti attorno a piazza della Posta Vecchia, le lunghe lettere alla madre scritte sempre alla luce di una candela. In un’anonima alba settembrina il suo cadavere viene trovato sulla piattaforma galleggiante ancorata al centro dell’antico porto di Genova. Per il commissario Elia Marcenaro il delitto dell’Isola delle Chiatte è l’occasione per un’insperata rivincita dopo l’esilio, durato anni, all’ufficio passaporti. Un riscatto dal passato di errori e travolgenti amori, dal presente di una figlia lontana e di nevrosi mal curate. Ma venire a capo dell’enigma di passione e fede nascosto tra le pagine di cinque grandi classici della letteratura non sarà affatto semplice. I vicoli della città vecchia e l’incantevole bellezza di capo Santa Chiara, l’antico convento di Santa Maria di Castello dove le indagini lo condurranno, lo strano e luccicante abbracciarsi di moli non più porto e non ancora luogo, faranno da sfondo a esistenze e storie di mondi all’apparenza lontani e impermeabili. Solo grazie alla sensibilità e all’amore per la conoscenza della bella agente Beatrice Palazzesi, Marcenaro riuscirà a comprendere il vero significato delle parole che fino ad allora aveva letto senza capire.

"LE TRAME DELLA SETA" di Maria Teresa Valle

E-mail Stampa PDF

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

pagg. 216 coll. I tascabili Noir € 10,50

Isbn 9788875635459

ACQUISTA QUESTO TITOLO ADESSO CON SCONTO -15% + 1 LIBRO OMAGGIO

CLICCA SU: LE TRAME DELLA SETA

 

Maria Viani trascorre l’inverno nella sua città frequentando la biblioteca civica alla ricerca di documenti sulla storia della Repubblica di Genova.In maniera del tutto fortuita le capita tra le mani il verbale di un processo per duplice omicidio, avvenuto nei pressi della sua abitazione del centro storico nel 1550 Protagonista un ricco artigiano della seta genovese, condannato a morte per un crimine. Maria, convinta dell’innocenza dell’uomo, inizia una sua personale indagine sulle tracce del vero assassino. I colpi di scena si susseguono in quella che si rivelerà la sua indagine più pericolosa.

"LA BELLA DI CHIARAVALLE. Milano, 1952" di Dario Crapanzano

E-mail Stampa PDF

pagg. 216 coll. I Tascabili Noir € 11,50

Isbn 9788875636975

ACQUISTA QUESTO TITOLO ADESSO CON SCONTO -15% + 1 LIBRO OMAGGIO

CLICCA SU: LA BELLA DEL CHIARAVALLE

 

Una bellissima ragazza poco più che ventenne viene trovata ormai cadavere, chiaramente vittima di un delitto, in una casa del popolare quartiere milanese di Greco, in zona Naviglio Martesana. Si tratta di Carolina detta Lina, in arte Wilma, una ex mondina dedita al mestiere più antico del mondo, in quei giorni al lavoro al “Chiaravalle”, a due passi dal Duomo. Chi l’ha uccisa? Il compito di scoprirlo spetta al commissario capo Mario Arrigoni, attraverso un’indagine che lo mette a contatto con il mondo torbido e al contempo triste della prostituzione, all’epoca, ancora concentrata nei cosiddetti “casini”. Gli interrogatori portano davanti al commissario un variegato campionario di umanità: una splendida collega di Carolina, una pittoresca maîtresse, tenutari di case, ruffiani, giovani innamorati, imprenditori, professionisti, tutti legati a doppio filo con l’esistenza della vittima.Dopo una serie di avvenimenti che mettono a dura prova anche la saldezza morale dell’integerrimo commissario, il caso si risolve grazie ad un paio dei suoi famosi colpi di genio. Ma il finale liberatorio non è immune da risvolti angoscianti, che, ancora una volta, rivelano come spesso sia la cattiveria del mondo a generare i suoi mostri.

Pagina 32 di 33