All’ombra delle ciminiere. La centrale di Vado Ligure

Giovanni borrello

14,90 €

Dettagli prodotto

  • Copertina flessibile: 176 pagine
  • Editore: Frilli (17 novembre 2011)
  • Collana: Controcorrente
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8875636842
  • ISBN-13: 978-8875636845
  • Peso di spedizione: 499 g

La centrale termoelettrica di Vado Ligure – Quiliano (Savona) è uno dei
principali impianti industriali della Liguria. Entrata in funzione nel 1970 non ha mai smesso di far parlare di sé negli ultimi quarant’anni a causa delle perplessità e dei dubbi sollevati da medici, scienziati e politici riguardo alla presunta fuoriuscita di elementi inquinanti dai fumaioli. Il libro cerca di ricostruire, con un linguaggio accessibile a tutti,i quarant’anni di storia della centrale, delle lotte contro l’inquinamento, delle ricerche atte a rilevare le quantità di inquinanti, delle rassicurazioni sulla salubrità dell’aria, delle incredibili contraddizioni tra schieramenti politici avversi. Ma non solo: in quanto “centrale in città”, cioè costruita a pochi passi da palazzine e caseggiati densamente abitati, l’autore ha anche cercato di ricostruire il paesaggio che si sarebbe potuto ammirare quarant’anni fa in quell’areaoggi ingombra di serbatoi e trasformatori. Contributi di Luigi De Magistris, don Andrea Gallo, Beppe Grillo, Paolo Farinella, Angelo Bonelli, Carlo Rubbia. Prefazione del Gabibbo (Striscia La Notizia)

Approfondisci

Anonima sequestri sarda. L’archivio dei crimini (1960-1997)

 

29,50 €

Luigi Casalunga

Dettagli prodotto

  • Copertina rigida: 832 pagine
  • Editore: Frilli (7 gennaio 2007)
  • Collana: Controcorrente
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8875632731
  • ISBN-13: 978-8875632731
  • Peso di spedizione: 921 g

Frutto di un puntuale lavoro di ricerca e catalogazione, il testo di Luigi Casalunga, è un resoconto completo dell’attività criminale dell’Anonima e Superanonima Sequestri in Sardegna dal 1960 al 1997. Ad una prima parte – che presenta questo articolato fenomeno attraverso la testimonianza di chi, per professione, lo ha duramente contrastato – segue una raccolta di 150 schede informative che compongono la seconda sezione del volume. Ricche di dettagli su ogni singolo sequestro e divise in base al vecchio assetto delle province sarde, le schede forniscono una serie di informazioni sui protagonisti e la dinamica dei feroci eventi che videro coinvolti indiscriminatamente uomini, donne e bambini. Alla sintesi delle vicende fa seguito, in ogni scheda, l’esito delle indagini e dei provvedimenti adottati in sede giudiziaria. Dietro il nome di ogni vittima scorre dunque la “liturgia del sequestro” scandita da tappe ben precise, simbolismi rituali, silenzi, diffidenza, sospetti. Da questo scenario, macchiato di violenza e sangue, emergono inquietanti figure di criminali, coraggiosi uomini delle forze dell’ordine e volontari, giudici impegnati, uomini corrotti. E se forte è il sentimento di condanna verso un odioso e sempre attuale delitto, altrettanto profonda è l’inquietudine per la misteriosa fine di chi non è più tornato.

Approfondisci